Nina tra le Nuvole: con la collezione Bloom fiorisce la primavera!

Nina tra le Nuvole: con la collezione Bloom fiorisce la primavera!

Multicolor, romantici, easy, ma anche glamour e di tendenza, capaci di valorizzare lo stile di ogni donna. Sono adatti per ogni momento della giornata e da indossare in ogni occasione: mattina, pomeriggio, sera… a casa, al lavoro in videocall….o anche con ‘lui’. La nuova collezione Bloom di Nina tra le Nuvole fiorisce proprio con la primavera, e tutte le creazioni rispecchiano i trend della bella stagione: intrecci, charms, catene, strass e pietre semipreziose, lacci in lurex….tutto declinato in bangles, girocollo, orecchini chandelier, collane e anelli….fino alle catenelle portamascherine, ai portachiavi e portacellulari. Gioielli semipreziosi e bijoux ageless e irresistibili, che valorizzeranno ogni outfit, dal più sporty al più glam – contemporaneo.

Disability stylist Made in Italy ne abbiamo?

Disability stylist Made in Italy ne abbiamo?

Finalmente l’ho trovata! Una stylist italiana che si occupa di disability e diversity!!!! Fra l’altro oggi è proprio la giornata per parlarne perché siamo in tema di Oscar (la Notte si è tenuta appunto la scorsa notte), e lei ha vestito la protagonista del documentario candidato agli Oscar nel 2021 Crip Camp: disabilità rivoluzionarie (prodotto dalla Higher Ground Productions di Barack e Michelle Obama, che ne sono anche i produttori esecutivi, così en passant) . Lei è Angela Bianchi, una stylist italiana (wow) che si occupa anche di disabilità e diversità.

Dimagrire in menopausa con la dieta ayurvedica

Dimagrire in menopausa con la dieta ayurvedica

Intorno ai cinquant’anni il corpo femminile subisce trasformazioni e cambiamenti dovuti alla menopausa. Tra le possibili conseguenze c’è un aumento del girovita (anche se si è sempre state magre), mentre il metabolismo diminuisce, il che provoca un aumento di peso anche a parità di calorie ingerite prima di questa fase.

Insomma, questo periodo ci (s)travolge spostandoci dal nostro naturale baricentro. Proprio per risolvere sovrappeso e gonfiore, più altri problemi legati alla pre – menopausa o menopausa, molte donne over cinquanta (incluse celeb come Jennifer Aniston, Natalie Portman e Madonna) hanno provato la dieta ayurvedica.

 

>>>CONTINUA A LEGGERE

Otto segnali che ti fanno capire che la psicoterapia funziona

Otto segnali che ti fanno capire che la psicoterapia funziona

 

Nel biennio che abbiamo attraversato «il disagio è aumentato tantissimo» dice la dottoressa Laura Bongiorno, psicoterapeuta autrice delle schede di esercizi del libro di Marina Iannorta La Rana Bollita (Sonzogno), un viaggio-racconto di come l’autrice è sfuggita alla trappola delle crisi di ansia e di panico. Bongiorno spiega: «Soprattutto si è abbassata l’età della richiesta di una terapia e molte coppie si sono distrutte: non hanno resistito alla prova del lockdown». Aggiungendo: «la pandemia è stato un acceleratore, che ha fatto scoppiare o venire a galla  situazioni già esistenti ma sommerse magari da anni».

>>>CONTINUA A LEGGERE

Come riconoscere e aiutare una persona che ha un disturbo alimentare

Come riconoscere e aiutare una persona che ha un disturbo alimentare

In Italia sono quasi 4 milioni  le persone che soffrono di Disturbi del Comportamento Alimentare, o Eating Disorders, malattie mentali che provocano 4 mila morti all’anno e che rappresentano la seconda causa di decesso tra gli adolescenti dopo gli incidenti stradali. Questa che è chiamata la strage silenziosa è un fenomeno allarmante, cresciuto esponenzialmente durante il lockdown e il periodo pandemico: «i casi – dice la Dottoressa Antonella Anichini, neuropsichiatra infantile e psicoterapeuta presso l’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino – sono aumentati del 100%, mentre la fascia di età colpita da anoressia, bulimia e disordini alimentari si è drammaticamente abbassata».

>>>CONTINUA A LEGGERE

Ronn Moss: «I miei 70 anni in Puglia»

Ronn Moss: «I miei 70 anni in Puglia»

Ronn Moss, il Ridge di Beautiful ha tagliato il traguardo dei settant’anni, festeggiandoli nella sua nuova masseria in Puglia, precisamente a Fasano, tra oliveti, cavalli, vigne e buon vino che produce lui stesso: come fanno altre star che hanno scelto l’Italia, da Sting a Mick Jagger. Racconta l’attore: «Mia moglie Devin ed io abbiamo preso casa qui in Puglia, con l’intenzione di passare qui almeno sei mesi l’anno»

CONTINUA A LEGGERE >>>

Drusilla Donna Alfa

Drusilla Donna Alfa

 

Scrivo di sabato pomeriggio, dunque la finale di Sanremo non c’è ancora stata: e non sto scrivendo per commentare i risultati, ma per dire che secondo me il/la vincitore/trice (non solo morale, ma assolouto/a) c’è già ed è Drusilla Foer.

Tutti matti per Matti (e per Ama)

Tutti matti per Matti (e per Ama)

Tranquilli, tutto cambia perché nulla cambi, e in effetti la situazione adesso è realmente gattopardesca.Meno male, anche questa è andata, ed è andata bene direi: ovviamente sto parlando delle elezioni del Presidente della Repubblica. Che fra l’altro dispiaceva a tutti che Mattarella andasse via, ma proprio a tutti tutti, da Papa Francesco a Joe Biden passando per Macron fino alla Ursula (von der Leyen). Anche i nostri politici non è che sapessero bene da che parte girarsi (o a che santo votarsi) e comunque alla fine ci siamo arrivati, andate la messa è finita, Mattarella è di nuovo Presidente. Amen.

11 gesti di gentilezza da compiere a Natale (e in generale nella vita!)

11 gesti di gentilezza da compiere a Natale (e in generale nella vita!)

«Voglio confidarti un segreto che ti aiuterà ad affrontare le prove a cui la vita vorrà sottoporti: sii coraggiosa e gentile», diceva la madre a Ella, la Cenerentola Disney (versione Kenneth Branagh, con attori veri), in una delle prime scene del film. Una frase detta in una fiaba, ma il potere della gentilezza si riflette nella vita vera. Sgombriamo subito il campo da un grande equivoco: la gentilezza non è dimostrazione di fragilità o di debolezza, anzi: è tutto il contrario. Essere gentili vuol dire essere forti:  lo ribadisce anche Lady Gaga, che con la mamma Cinthya Germanotta ha scritto Channel kindness. Storie di gentilezza e comunità, edito in Italia da De Agostini, in cui raccoglie 51 storie di gentilezza, coraggio e resilienza di altrettanti giovani di tutto il mondo, a dimostrazione che la gentilezza è veramente un linguaggio universale.
>>>CONTINUA A LEGGERE

Disability, no Fashion, & the City

Disability, no Fashion, & the City

Questa volta ci sono rimasta davvero male. In un primo momento mi è sembrato solo un “no, grazie”, una cosa non troppo importante. Ma poi ci ho ripensato. Fatto sta che ieri avevo scritto a Patricia Field, la costumista di Sex and the City e di Emily in Paris, perché volevo chiederle se anche per una donna disabile è possibile trovare, fra gli outfit di Carrie o di Emily, alcuni che siano adaptive, cioè che si possano annoverare tra i capi adattivi, che si adattano a fisici di donne diversamente abili e facili da indossare autonomamente, quindi pratici.

Pubblicità progresso

Pubblicità progresso

In un anno che si chiude, come il precedente, con la tristezza del Covid (che quasi pensavamo in fase ‘di remissione’) di nuovo dilagante con nuova variante molto più contagiosa, Omicron, abbiamo imparato definitivamente il significato delle parola inclusione e dell’aggettivo inclusivo/a. Non è stato però detto abbastanza che l’inclusione non vale e non riguarda solo la diversità di genere o di razza, ma anche la disabilità.

And Just like that: come eravamo

And Just like that: come eravamo

So di non essere la prima a diffondere la notizia e quindi il mio non è uno spoiler, dato che in tutti i luoghi e in tutti i laghi, anzi praticamente in tutto il mondo, siamo rimasti scioccati da come sono andate le cose nelle prime due puntate di And Just Like That: nella #1 Mister Big ha un infarto e tira le cuoia, e nella #2 ci becchiamo tutta l’angoscia di Carrie e il funerale di Big. Bon.

Montà d’Alba dedica ai trifolao mostra con 22 murales.

Montà d’Alba dedica ai trifolao mostra con 22 murales.

(ANSA) – TORINO, 20 NOV – Un omaggio alla figura del Trifolao, il cercatore di tartufo, primo ‘anello’ fondamentale, con i suoi cani, della filiera di uno dei prodotti della natura più amati.

E’ la mostra ‘Generazione T’, un percorso espositivo di 22 grandi pannelli murali lungo l’asse centrale di Montà (Cuneo), inaugurato il 20 novembre e visibile sino a tutto gennaio 2022.

La mostra documenta il secolare e profondo rapporto che lega Montà al tartufo bianco d’Alba.
Il percorso parte con i pannelli dedicati ai più importanti e riconosciuti trifolao della seconda metà del ‘900, racconta le famiglie di cercatori da almeno tre generazioni, infine si sofferma su svariati documenti, come quelli sugli studi effettuati nelle rocche dal CNR negli anni ’80 e ’90 del secolo scorso. O le prime insegne di rivendita di tartufi, i tanti premi vinti alla Fiera di Alba, le iniziative di promozione che hanno visto trifolao montatesi protagonisti, dalla partecipazione a una celeberrima trasmissione cult della Rai, Portobello, fino alle ‘cerche’ organizzate negli States e alla Casa Bianca per i presidenti americani Sui murales si potrà trovare anche un riferimento agli screzi e ai rancori tra trifolao in merito a posti dove trovare i tartufi e i percorsi della cerca, e i deterrenti, anche drastici, utilizzati dai proprietari dei boschi per impedirla.
La mostra diffusa si colloca all’interno del calendario degli eventi dedicati al tartufo bianco, ed è anticipazione del Museo del tartufo-Mudet, per il quale Alba e Montà stanno lavorando in sintonia, per creare i due siti. (ANSA).

Matteo Baronetto: 45 ricette per provare la cucina piemontese contemporanea

Matteo Baronetto: 45 ricette per provare la cucina piemontese contemporanea

Cita Jovanotti, Matteo Baronetto: «Sono stato un ragazzo fortunato, la buona cucina (e il buon vino) non appassionavano nessuno a casa mia. È dunque forse per ribellione che sono diventato un cuoco».

Voilà, in estrema sintesi il perché dell’essere chef di uno degli interpreti più sensibili della cucina italiana. Allievo di Gualtiero Marchesi prima, sous di Carlo Cracco poi, fino ad approdare, nel 2014 alla guida del ristorante Del Cambio di Torino, locale storico d’Italia fondato nel 1757 (e uno dei più belli al mondo), il preferito dal conte Camillo Benso di Cavour, con gli interni che coniugano gli stucchi dorati del XVIII secolo all’arte contemporanea di Michelangelo Pistoletto, e le ricette «di una volta» strizzano l’occhio all’impostazione gastronomica di oggi.

 

>>>CONTINUA A LEGGERE

Mummie & influencer

Mummie & influencer

La cultura e il turismo ripartono dagli influencer? Forse. Per esempio a Torino, che dopo le Atp Finals (vabbè stendiamo un pietoso velo sull’organizzazione) vivrà un altro momento di gloria a metà maggio, quando si accenderanno le luci del palco dell’Eurovision Song Contest.