Thanksgiving angry birds – Francesca Martinengo

Thanksgiving angry birds

Adesso è un attimo. Arrivare a Natale, dico. Passato Halloween (ieri sera avrete diligentemente fatto il pieno di film horror, dolcetti o scherzetti, feste a tema Walking Dead ecc.), cosa ci separa dal 25 dicembre, se non una manciata di giorni rallegrati dalle polveri sottili?

Neanche il tempo di andare al cimitero a dire una preghiera, e già sulla strada del ritorno avete visto dal finestrino l’esterno del centro commerciale addobbato di luminarie. A ricordarci che ormai ci siamo, anzi per darci una mossa, a Torino hanno anche acceso le Luci D’Artista con qualche giorno di anticipo. Almeno in America l’holiday season inizia con il Giorno del Ringraziamento, che quest’anno è il 23 novembre. E il protagonista di ogni tavola a stelle e strisce in questa giornata è il tacchino. A proposito: gli abitanti di Bridgewater (Boston, Massachusetts) sono abbastanza preoccupati. Anzi, proprio terrorizzati da gang di tacchini selvatici che inseguono e attaccano l’uomo, nonché le auto, con una predilezione particolare per quelle della polizia, che pare che dall’inizio dell’anno abbia ricevuto circa 150 denunce. C’è il ragionevole dubbio che tutto questo accada perché i pennuti sono ben consapevoli del destino dee li aspetta, quando fra qualche giorno finiranno nel forno, e consci di ciò, si stiano ribellando (fra l’altro, anche puntando le vittime con quello sguardo velatamente inquietante che li contraddistingue). Che dire? Qui da noi aspettiamoci la rivolta dei capponi. Alè.

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.